TINTO HOME PAGE






Home arrow Altre cose arrow Lettere arrow Ciro Monti: uno scrittore sconosciuto Make Text BiggerMake Text SmallerReset Text Size
Ciro Monti: uno scrittore sconosciuto Stampa E-mail
Io sono matto, nell'opinione di tutto il parentado, per tre ragioni: non metto formaggio grattugiato sulla pasta asciutta, che per altro mi piace assai poco; mangio l'insalata, ogni sorta d'insalata, senza una goccia d'aceto: e non mi sono voluto laureare.

Io sono un dottore di nessuna dottrina: io non sono professore. Io sono Ciro, o il Signor Ciro, o il signor Monti, o Ciro Monti: e ciò mi basta. Forse per questo, perché il mio nome mi basta, io non volli continuare oltre il terzo anno a pagare le tasse dell'Università. E perché mi facevano ridere tutti quei miei coetanei che il giorno della laurea avevano già pronti, nè più odorosi di tipografia, i biglietti da visita con il titolo di dottore, per cui si sentivano improvvisamente, e agli occhi della moltitudine apparivano, un po' più alti di statura. E più mi facevano ridere, e mi fanno ridere ancora, quando in ogni sorta di discussione politica se ne vengono avanti con prosopopea dicendo:-Noi della classe colta.- E sono ignorantissimi e bestie, che un libro, dopo la laurea, o la pagina d'un quotidiano, non hanno mai letto.

Il mio nome e il mio cognome mi bastano; e mi piacciono, anche. Solo da ragazzo li desiderai un po' più lunghi e sonori, un nome quadrisillabico, per esempio, e un cognome trisillabico combinati in un ritmico settenario, come Ludovico Quaroni, o un nome bisillabo e un cognome trisillabo, dattilo e spondeo, legati in un carezzevole adonio, come Este Milani. Ma ora il mio nome e il mio cognome mi piacciono così come sono, nè più sarò tentato di mascherarli come facevo da ragazzo quando li anagrammavo in tre modi così: Morticino, per firmare le poesie sentimentali; M. (tiro noci), le satiriche; M. (io trinco), le bacchiche e conviviali. Ora firmo e firmerò sempre Ciro Monti, che è molto più semplice, più superbo e più chiaro.

Ciro Monti

tratto dalla prefazione al romanzo "Senza Senso" - ed. Novalis - S.Lazzaro di S. -Bologna- 1988

 
< Prec.   Pros. >
Joomla! Template Supplied by Netshine Software Limited